L’asse psiche-cervello-pancreas

L’asse psiche-cervello-pancreas

Francesco Bottaccioli – Direzione Master in Pnei Università dell’Aquila e di Torino, Presidente on. SIPNEI
Per la prima volta è stato documentato che l’iperattività dell’amigdala predice l’insorgenza del diabete indipendentemente dall’obesità

Un gruppo interdisciplinare e inter-universitario statunitense (Harvard, Columbia, New York), con due pubblicazioni, una su Psychoneuroendocrinology e l’altra su Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism chiarisce, per la prima volta, con evidenze strumentali, una relazione da anni segnalata dalla clinica e dalla ricerca PNEI: il rapporto tra stress emozionale e insorgenza del diabete.

Obesità e diabete: un legame che non spiega tutto
Una relazione che è stata oscurata dalla visione tradizionale che ha concentrato l’attenzione sul rapporto tra alimentazione (con conseguente sovrappeso, obesità viscerale) e diabete. Relazione indubbiamente vera e documentata da numerosi studi sia sperimentali che osservazionali. Tuttavia, ci sono anomalie nel paradigma della genesi alimentare del diabete. Innanzitutto, per fortuna, molti obesi non sono diabetici.
Inoltre si può essere diabetici senza essere obesi. Quindi, oltre agli eccessi alimentari e alla sedentarietà, che indubitabilmente favoriscono il diabete, ci devono essere altri fattori che contribuiscono all’insorgenza della malattia.
Da questo ragionamento è partita l’indagine dei ricercatori statunitensi, che hanno utilizzato una sofisticata tecnologia (18F-FDG-PET-CT in sigla, che combina una Tomografia a emissione di positroni- che utilizza il fluorodeossiglucosio18 – e una Tomografia computerizzata) che misura contemporaneamente l’attività del cervello e il volume del grasso cosiddetto viscerale, quello della pancia.
L’area cerebrale monitorata è il circuito della salienza (salience network), un insieme di strutture cerebrali interconnesse coinvolte in funzioni complesse come cognizione ed emozione, che ha nell’amigdala una componente fondamentale. Da precedenti ricerche si sa che l’amigdala è la struttura chiave dell’allerta3
che è alla base dell’ansia. Il circuito della salienza, come dice il nome, entra in azione ogni volta che la mente percepisce uno stimolo significativo, saliente, per l’appunto, che disattiva la dominanza del circuito cerebrale centrato sul nostro interno (il cosiddetto default mode network) e favorisce lo spostamento sul circuito esecutivo (executive network). L’amigdala è il perno dello switch, poiché non solo attiva i circuiti frontali esecutivi, ma attiva anche il sistema dello stress come mostra la Fig1.
La valutazione della sua attività metabolica, possibile con la PET che utilizza il radionuclide F18, consente di avere una misura biologica dello stato emozionale del soggetto.

[…]

Per ricevere l’approfondimento direttamente sulla propria casella di posta:

Nome*
Cognome*
Il tuo indirizzo Email*